skip to main | skip to sidebar
19 commenti

Panico: PewDiePie, lo Youtuber più popolare del mondo, minaccia di chiudere e accusa Youtube

Ultimo aggiornamento: 2016/12/11 9:15.

Felix Kjellberg, noto ai fan come PewDiePie, è uno Youtuber popolarissimo, ma ha minacciato di chiudere il proprio account se avesse raggiunto i 50 milioni di iscritti. La notizia ha avuto una risonanza molto ampia, prendendosi le attenzioni di BBC e Forbes (giusto per citare qualche esempio), non solo per la popolarità del personaggio ma anche per le ragioni della sua minaccia: PewDiePie ha accusato Youtube di sabotaggio contro gli Youtuber grandi e piccoli.

Mentre conducevo la diretta del Disinformatico di ieri alla quale si doveva ricollegare inizialmente questo articolo, la cifra fatidica (un record assoluto per un singolo Youtuber) era stata raggiunta, ma l’account era ancora al suo posto; da allora è cambiato tutto.

PewDiePie, infatti, ha mantenuto la parola, ma solo in senso molto letterale: ha sì cancellato “il suo canale”, ma si tratta di un altro suo canale Youtube (Jack septiceye2) molto meno popolare e ha rivelato in un video che la sua minaccia era “uno scherzo... diventato molto più grande di quello che si potesse immaginare”, prendendo in giro i media che hanno ripreso e pubblicizzato il suo annuncio senza alcuno scetticismo.

È stata, insomma, una classica trollata. Ma la contestazione di fondo fatta da PewDiePie resta interessante: secondo lo Youtuber, infatti, Youtube ha cambiato i criteri di selezione dei video consigliati, facendo crollare le visualizzazioni dovute ai “consigli” dal 30% a meno dell’1%. Dato che le visualizzazioni gli portano soldi, e anche tanti, la questione è parecchio importante, e PewDiePie ha segnalato la questione sottolineando che il problema non riguarda solo lui ma tutti gli utenti che cercano di guadagnare pubblicando video su Youtube.

Secondo i dati di PewDiePie, inoltre, i “consigliati” mostrano ora molti video di clickbait (acchiappaclic senza alcun contenuto reale) e addirittura video pornografici. Anche altri Youtuber hanno notato lo stesso fenomeno, ma YouTube ha detto alla BBC di non aver apportato alcuna modifica ai propri algoritmi di raccomandazione dei video.

Vale la pena di cogliere quest’occasione per conoscere meglio il mercato degli Youtuber: alcuni (pochi) incassano cifre da capogiro, e questo sta portando molti giovani a esibirsi (spesso in modi pericolosi e imbarazzanti) nella speranza di arrivare alla monetizzazione. È una sorta di lotteria, dove pochi vincono e tantissimi pagano: non con i soldi, ma con il proprio tempo e la propria reputazione.

Questi sono gli incassi delle star di Youtube più pagate del 2016 secondo Forbes:

  1. Felix Kjellberg (PewDiePie): 15 milioni di dollari
  2. Roman Atwood: 8 milioni di dollari
  3. Lilly Singh: 7,5 milioni di dollari
  4. Anthony Padilla e Ian Hecox (Smosh): 7 milioni di dollari
  5. Rosanna Pansino: 6 milioni di dollari
  6. Tyler Oakley: 6 milioni di dollari


Fonti: BBC, Kotaku, Kotaku, Forbes.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (19)
Buh, è come l'ascesa e il collasso della gastronomia italiana in Germania.

Ad un certo punto gli italioti si son pure inventati una certificazione privata. (Per richiederla bisogna che il personale di cucina sia prevalentemente di nazionalità italiana.)

Però, se non ricordo male... Youtube era nato proprio come contrapposizione a questa logica.

'Sto tizio dovrebbe cercare di ricordarsi che è diventato ricco perchè youtube gli ha dato una visibilità che nessun produttore televisivo gli avrebbe offerto.
A me fa riflettere non tanto la logica perversa che sta dietro al pay per click. Dopotutto se è quello vuole il mercato, quello si ha e se Youtube "ci smanetta" ha il diritto di farlo dato che nessuno costringe un vlogger ad usare Youtube. Pensi che YT stia complottando per darti meno visualizzazioni? Minacci di chiudere? Cambia piattaforma. O creane una tua. Punto.

È proprio la manifestazione dell'attacco di codadipaglismo da manuale da parte dello youtuber che mi fa pensare.

La trovo una mossa tipica da mediocre politico italiota. Il che di per sé, come considerazione lascia il tempo che trova, per carità... ma mi piacerebbe avere il tempo, le capacità e soprattutto la voglia di seguire gli sviluppi di questa storia a livello sociologico.

Lo youtuber sarà premiato dal pubblico grazie al vecchio adagio "che se ne parli male o bene, l'importante è che se ne parli" oppure il tutto verrà triturato e dimenticato fino al prossimo caso mediatico-telematico? Ci sarà più gente che si indignerà, oppure una buona parte di persone si chiederà "E questo chicazzèechevvò?"

Mah... starò anche diventando vecchio io e farò sempre più fatica a stare al passo con le nuove frontiere del vippismo a tutti i costi, ma la sostanza sembra non cambiare mai: prima o poi c'è sempre qualcuno che grazie alla fama ed ai soldi guadagnati pensa di essere diventato dio e che quindi sia suo diritto divino pontificare su qualsiasi cosa. Persino su coloro che lo hanno fatto diventare tanto famoso e ricco da fargli credere di essere davvero dio. Ed i giornali sempre più in affanno contro lo strapotere del web, ci si buttano appesce perché si rendono conto che parlare del web ANCHE sulla carta stampata, fa vendere di più...

Ahsignoramia, non ci sono più le mezze stagioni... (stupidocane vecchierello ed imbecille [nel senso di vecchio zoppicante con bastone]).

Dai commenti mi rendo conto che un punto dell'articolo è facilmente fraintendibile.

La questione del cambio di rotta per i "suggested" non riguarda solo il canale di PDP, non è un "YouTube sta complottando contro di me!", ma riguarda TUTTI gli YouTubers.

Questa cosa ovviamente fa calare le entrate dei "big", ma il problema principale è che in questo modo si segano le gambe a tutti i semisconosciuti che propongono contenuti di qualità (sì, esistono) e che se avessero un po' più di views riuscirebbero a fare il salto di qualità.

È esattamente su questo che PDP ha voluto porre l'accento. Da qualche tempo a questa parte YT consiglia più che altro pattume e porno soft, perché il pattume e il porno soft vende e rende molto più della roba intelligente.

Da Big G dicono di non aver pastrugnato niente nel codice, ufficialmente il problema non esiste, però chi frequenta un po' YT al di fuori della nicchia italiana avrà sicuramente notato il cambio di trend. Diamine, l'ho notato perfino io che sul tubo quando faccio "zapping" guardo solo video di motori o di musica rock e metal (quindi ce ne vuole di fantasia per identificare come "correlato" un video video semi-porno).

Da qui l'idea di PDP, che forte della sua enorme celebrità (capisco che qualcuno possa non conoscerlo, io stesso non sono un suo follower, ma è pur sempre lo youtuber più famoso del mondo, non il primo che passa) ha trovato il modo di far puntare i riflettori sul problema.

Poi per carità, avrà anche il suo buon tornaconto dalla cosa, però non c'è *solo* quello dietro, ecco. Piano coi facili giudizi quindi ;)
Addendum: è vero che pochissimi guadagnano cifre da capogiro, ma tantissimi guadagnano cifre che ti consentono di arrotondare discretamente lo stipendio, se non addirittura di non lavorare proprio (diciamo: da alcune centinaia a un paio di migliaia di euro mensili).

Diciamo quindi che è sì una lotteria, ma che offre un discreto numero di premi di consolazione. Il che spiega il proliferare di video con titoli acchiappaclick, o complottaro-deliranti.

Non fraintendetemi eh, io sono dell'idea che se non si hanno cose intelligenti e interessanti da dire, è meglio non dirle. Sopratutto davanti ad una platea potenziale così vasta. Diventare youtuber con il precipuo scopo di fare "i big money" è una ambizione idiota tanto quanto quella che spinge la gente a partecipare ai provini del Grande Fratello.

La cosa buona è che sul medio periodo, dato che la massa è volubile, le put...ne del click scompaiono. Esattamente come le meteore televisive, o i tormentoni musicali dell'estate: fanno la grana qualche mese, un annetto, poi puff, chi se li ricorda più.

A quel punto, dovrebbero emergere e diventare stabili quelli intelligenti, gli elementi validi. Ma se YouTube sega loro le gambe non facendoli mai conoscere, ciò non sarà mai possibile, e il pattume verrà sostituito da altro pattume, possibilmente di qualità peggiore.

Ed è questo quel che PewDiePie intendeva portare alla luce.
15 milioni di dollari?? Ma che combina sto tizio in video??!... (Sì, dopo andrò a vederlo, ma ora non ho voglia)
Sono un fruitore di YouTube dal primo giorno, da quando era un sito da poche migliaia di video.
Per lunghi periodi ho passato ore ed ore a guardare video di tutti i tipi, da ogni parte del mondo.
Ce ne erano di divertenti, di interessanti, istruttivi, ogni giorno bastava aprire la home per scoprire un mondo nuovo, una nuova disciplina, un musicista talentuoso, uno sport mai visto...
Poi vennero la registrazione è gli account. Inizialmente sembrava una buona idea, invece di districarsi tra milioni di video, ti venivano suggeriti quelli a te più graditi e per un po' la cosa non mi è dispiaciuta.
Col tempo però mi sono accorto che la cosa è andata peggiorando, settimane e mesi a riproporti sempre gli stessi video, ormai visto e rivisti, senza più possibilità di scoprire nulla di interessante se non attraverso link da qualche sito esterno.
Se poi si limita la ricerca al nostro paese la cosa ad un certo punto è diventata drammatica, con i video più visti che vanno da uomini e donne al Grande Fratello, all'ultimo gol del Napoli.
Ultimamente la cosa è peggiorata tantissimo, mi basta guardare 2-3 video simili, per ritrovarmi la pagina dei consigliati praticamente piena di video fotocopia di questo ultimi, l'unica cosa che rimane è entrare come utente anonimo e cancellare tutti i vari cookie, cronologia, etc... Ma anche lì i criteri di selezione ormai sono più commerciali che di reale "viralità di un video".

Devo dire che a proposito della notizia, io negli ultimi 5-6 giorni avevo notato qualcosa di strano ed in effetti pare che i video suggeriti siamo più ad ampio spettro che totalmente mirati a cui che ho guardato di recente.
Tommy,

ho aggiunto una frase per evitare il fraintendimento che segnali, grazie.
Buh io noto da un po'di mesi a questa parte che le preview dei video sono spesso "fake", (oltre al titolo acchiappa click anche la preview finta, un fotogramma non presente nel video, spesso molto spettacolare ed accattivante) i contenuti degli stessi video proposti sono spesso poveri, e che i criteri di proposizione dei video mi sembrano sempre più casuali e scollegati, a differenza di qualche tempo fa, quando mi venivano proposti video spesso interessanti e validi, motivo per cui iniziavo a ritenere la profilazione (su youtube) una pratica utile.
"Copertine acchiappaclick" si vedono, ma porno (soft o meno che sia) nei miei consigliati non ne ho visto. A me continua a consigliare video su argomenti che sono solita a guardare: astronomia, musica e cose così. Non è che in realtà, essendoci più "copertine acchiappaclick" con pelle esposta, è semplicemente che qualcuno clicca su quelle e poi gli consiglia quella roba là?
@Sue Flora May:
Dato che si parla di PDP, rigiro l'esempio che ha postato lui stesso su Twitter:
https://twitter.com/pewdiepie/status/803950233747066881
(occhio, NSFW)
Felix non doveva sputare nel piatto dove mangia, salvo poi continuare a mangiare.
Sarebbe stato più credibile se avesse tolto temporaneamente i suoi video, cioè tenere aperti i canali ma "vuoti": così si fa uno sciopero, caro il mio "proletario della domenica".
@patrick costa

Gioca a videogame...fa recensioni ecc.
@Rico:
Si parla di un utente con oltre tremila video, video generalmente lunghi peraltro; cancellarli e ricaricarli è follia, inizi ora e finisci per capodanno del 2018, se va bene. Senza contare la perdita di commenti e views per tutti i video.

Anche mettere e togliere le impostazioni "video privato" (che va fatto manualmente su una manciata di video per volta) è troppo lunga come cosa.

Perché cercare per forza il marcio? Siamo tutti d'accordo che PDP ha il suo bel tornaconto nel restare su YouTube e anche nel far tornare la situazione come quella di prima (pochi o tanti che siano, sono soldi che han smesso di entrargli).

Però la questione non è solo quella, il discorso è più ampio di così. Poi per carità, non sono esattamente un fan di Pewie, si potrebbe criticare sotto diversi punti di vista, ma stavolta diamo a Cesare quel che è di Cesare.
Si ma se a YT spergiurano di non aver cambiato algoritmo, significa che la maggior visibilità a clickbait e soft porno è dovuta al fatto che sono aumentati. È questo il vero problema: che YouTube si sta riempiendo di spazzatura.
Grazie @Andrea! 15 milioni per giocare e commentare... mica male, presumo che sia il Genio del joypad se così tanti lo seguono.
Derek Muller (Veritasium) ha pubblicato un video che secondo me spiega meglio, e con un approccio un po' meno "interessato" e un po' più razionale, cosa sta succedendo: The Reason for Declining Views on YouTube https://www.youtube.com/watch?v=apyPURp2FFY

Ciao!
Marco
@Tommy the Biker.

Oh, complimenti al giovanotto.
Per quanto mi riguarda, "orewayotamotenai", che in giapponese significa: "non mi intendo di queste cose* ma se glie li han dati, vuol dire che se li meritava per motivi che ignoro o non capisco."

Nelle sue rimostranze io ci vedo un: "tagliate la testa ai giovanotti che sognano di rubarmi la poltrona. Ora che IO HA fatto fortuna squittendo come una scimmia brasiliana non c'è nessun bisogno che la concorrenza nei miei confronti venga autorizzata ad esistere."

La mia risposta è: "Perchè a questi topastri deve essere negata la possibilità che anni addietro è stata offerta a te? Un tempo eri uno dei suddetti topastri."

*In realtà il significato letterale è circa: "non son tipo che piace alle sfittinzie"
Veramente si lamenta proprio del contrario. Se le perde lui le visualizzazioni se ne sbatte perché ne ha milioni, se le perde quello che ne ha 2000 è finito.
ieri Dave Jones (il guru dell'elettronica EEVBLOG) ha analizzato come funziona e quanto rende il suo canale youtube: https://www.youtube.com/watch?v=R8qdOAEQnps