skip to main | skip to sidebar

[IxT] Sicurezza: Banche online tradite dai browser insicuri

Questa newsletter vi arriva grazie alle gentili donazioni di "baban", "alessandro_mac***" e "LucianoLor".

Quasi tutti i più diffusi browser, da Internet Explorer a Opera a Firefox, sono vulnerabili a una tecnica che consente a un sito ostile di iniettare (apparentemente) una propria pagina all'interno di un sito fidato, consentendo per esempio di rubarvi la password del conto corrente.

I dettagli e la dimostrazione, se volete saperne di più, sono su Zeus News.

[IxT] Acchiappavirus: aggiornamento di AVG

Questa newsletter vi arriva grazie alle gentili donazioni di "Big Slave Anto", "gabrieleruf****" e Giacomo A. da Rosate.

Alcuni lettori che usano AVG come antivirus si sono preoccupati per l'annuncio pubblicato sul sito della Grisoft, casa produttrice di AVG, interpretandolo come la fine della versione gratuita del programma.

In realtà quello che finisce è il supporto della versione 6.0 di AVG, che non verrà più aggiornata a partire dal 31/12/2004. Tuttavia è già disponibile, e continuerà ad essere gratuita, la versione 7.0, che ha cambiato interfaccia e funzionamento.

Con AVG 7.0 non è più necessario richiedere il codice di attivazione. si scarica e basta. L'interfaccia non è delle più limpide, perché si è costretti a saltare fra due finestre principali, ma a caval donato non si guarda in bocca.

Per facilitare la transizione e tenere aggiornato il mio libro "L'acchiappavirus", ho scritto e messo online un capitoletto-bonus che spiega come scaricare, installare e configurare AVG 7.0 nelle sue funzioni di base. Lo trovate su Attivissimo.net.

Maggiori informazioni su "L'acchiappavirus", su come scaricarlo e leggerlo gratis e, se vi va, comperarlo in libreria, sono qui.

[IxT] Netscape rinasce da un incrocio con Firefox e.... Internet Explorer???

Questa newsletter vi arriva grazie alle gentili donazioni di "enrico.assor***", "rgabba" e "Luca Enea-Spilimbergo".

Guarda chi si vede: il caro vecchio Netscape, un tempo dominatore incontrastato fra i browser, perlomeno finché arrivò Microsoft col suo Internet Explorer e una strategia commerciale che le valse un processo antitrust.

Il nuovo Netscape (per ora prototipo) è basato su Firefox (una versione non recentissima, la 0.9.3) e si distingue da Firefox per una particolarità: sotto Windows è in grado di usare il rendering engine (il software che s'incarica di visualizzare e interpretare le pagine Web) di Internet Explorer.

Questo potrebbe rivelarsi molto comodo: mentre adesso si consiglia di usare un browser diverso da IE per la navigazione normale e di ripiegare su IE soltanto se un sito fidato non funziona con i browser alternativi, con il nuovo Netscape si può usare un unico browser. Se un sito non funziona, non serve lanciare IE: basta dire a Netscape di usare l'engine di IE, e la pagina viene visualizzata come la visualizzerebbe Internet Explorer.

Un passo avanti verso il ridimensionamento del predominio a percentuali bulgare del browser Microsoft? Può darsi. Ma potrebbe anche trattarsi di un rischio per la sicurezza che screditerebbe i browser alternativi, rendendoli più vulnerabili. Infatti se il rendering engine di Internet Explorer ha una falla, ne viene affetto anche Netscape, se usato in "modalità IE".

È comunque decisamente surreale poter finalmente visitare Windows Update usando Netscape, a detta di chi ha collaudato il prototipo, purtroppo ora non più disponibile attraverso i canali ufficiali. Se ne prevede però un prossimo rilascio in versione definitiva.

Nota: il link citato nella prima versione di questo articolo non funziona più, appunto perché il prototipo è stato rimosso dal sito di Netscape.


Aggiornamento (2/12/2004)


Grazie alle segnalazioni di due lettori, "piviere" e "gaiardoni", ecco il link aggiornato al prototipo del nuovo Netscape descritto nelle newsletter precedenti. L'ho verificato e in questo momento (10:15 italiane del 2/12/2004) funziona. Vista la situazione, non garantisco che funzioni a lungo e non posso farvi assistenza se avete problemi di scaricamento.

Ricordo inoltre che comunque si tratta di un software sperimentale, che usate a vostro rischio e pericolo.

Buon divertimento!